Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

LA SFIDA DEL VOLO

Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni - Trento
Da sabato 9 aprile

LA SFIDA DEL VOLO Aeroplani ed elicotteri inediti dalle collezioni del Museo.

In occasione della XIII edizione della Settimana della Cultura promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni riporta alla luce alcuni dei pezzi più significativi delle sue collezioni, fino ad ora mai esposti al pubblico, e li presenta all’interno di un rinnovato percorso di visita che vede, per la prima volta nella storia del Museo, l’ampliamento delle superfici espositive.

art7

L’esposizione “La sfida del volo. Aeroplani ed elicotteri inediti dalle collezioni del Museo” è parte di un più ampio programma pluriennale di tutela e valorizzazione del patrimonio museale sostenuto dall’Assessorato alla Cultura della Provincia autonoma di Trento, con la collaborazione degli uffici provinciali preposti alla tutela quali la Soprintendenza per i beni storico-artistici e la Soprintendenza per i beni librari, archivistici ed archeologici, e grazie alla generosa disponibilità della famiglia Caproni, che ha affidato alla Provincia di Trento l’importante eredità culturale del pioniere dell’aviazione Gianni Caproni.

art7b

“La sfida del volo” è l’occasione per scoprire ed ammirare per la prima volta aeroplani ed elicotteri che hanno segnato tappe importanti nella storia aeronautica italiana, a partire dal periodo pionieristico del volo, ben illustrato da tre velivoli inediti in legno e tela – Ansaldo A 1, Caproni Ca 53 e Caproni Ca 60 – collocati nel salone espositivo del Museo accanto ad altri importanti aeroplani della stessa epoca facenti parte delle esposizioni permanenti.
Nell’hangar accanto al salone espositivo trova posto un’anteprima del futuro ampliamento delle esposizioni: accanto a velivoli ed elicotteri già da tempo esposti al pubblico, si collocano aeromobili che per la prima volta escono dai depositi, come l’aeroplano North American T-6 “Texan” e l’elicottero Manzolini Libellula II.

Gli aeroplani e gli elicotteri inediti sono proposti alla visione del pubblico nello stato in cui ci sono pervenuti, nel pieno rispetto della fisionomia e dello stato di conservazione da essi assunti nel corso della loro storia. L’esposizione in anteprima rappresenta infatti il punto d’avvio dei progetti mirati di conservazione che nel prossimo futuro rappresenteranno una parte importante dell’attività del Museo, ispirati alla teoria e alle scienze del restauro dei beni culturali.